English versionenglish version

Pompei secondo il presidente di Costa del Vesuvio: un modello turistico perdente.

Pompei secondo il presidente di Costa del Vesuvio: un modello turistico perdente.

L’intervento di Angelo Pica sul Corriere del Mezzogiorno di qualche giorno fa, denuncia l’inefficienza del modello turistico presente a Pompei, una meta di viaggio ambita e conosciuta in tutto il mondo.

Tale modello turistico sulla base delle stime di Federalberghi, si erge quasi in toto sull’escursionismo, con una media di 3 turisti su 100 visitatori: una cifra davvero esigua.

Il focus secondo Pica sta nel domandarsi perchè i turisti non vengano a Pompei.

I principali punti deboli sono: contesti inadeguati, mancanza di un’offerta di eventi che caratterizzi l’area come distretto turistico e la mancanza di un’offerta alberghiera adeguata.

Proprio su tali punti si muovono le linee d’azione del Consorzio e di Federalberghi:

-cambiare il chilometro quadrato intorno agli Scavi di Ercolano, Pompei e al Vesuvio;

-migliorare e ampliare l’offerta ricettiva mediante lo strumento del contratto di sviluppo;

il tutto sulla base di una collaborazione sistemica fra gli operatori presenti sul territorio.

Share Button